Lenticchia di Castelluccio di Norcia I.G.P.

  • lenticchia-di-castelluccio-di-norcialenticchia-di-castelluccio-di-norcia
  • lenticchia-di-castelluccio-di-norcia-1lenticchia-di-castelluccio-di-norcia-1

Categoria Eccellenza: Prodotti tipici

Descrizione
Descrizione
Informazioni
Foto
Mappa
Recensioni
  • La Lenticchia di Castelluccio di Norcia, rinomata in Europa costituisce una delle maggiori eccellenze umbre. Chiamata “Lenta” dagli abitanti della città di Castelluccio, nel 1997 per decreto comunitario, ottiene il riconoscimento di Indicazione Geografica Protetta (IGP) tutelandola da eventuali frodi.

    L’utilizzo di questo legume ha radici antichissime, come dimostrato dal ritrovamento di alcuni semi all’interno di tombe neolitiche risalenti al 3000 A.C.

    La lenticchia viene coltivata a 1600 mt s.l.m nei piani carsici di Castelluccio, all’interno del Parco Nazionale dei Monti Sibillini, e a differenza degli altri tipi di leguminose, si caratterizza per le sue piccole dimensioni e per il suo particolare aspetto policromo, quasi tigrato.

    La semina della lenticchia avviene all’inizio della primavera, non appena il manto nevoso che ricopre i campi si scioglie, da quel momento fino alla raccolta, ha bisogno solamente di pioggia.
    La “carpitura” è un processo molto delicato, infatti, le piante di lenticchia sono molto basse, c.a 30 cm, ed essendo coltivate su terreni prevalentemente sassosi è necessario prestare la massima attenzione, per questo motivo , fino in tempi recenti, la raccolta veniva fatta esclusivamente a mano da donne chiamate “carpine” appunto, per poi essere sostituite dalle più moderne falciatrici.

    Il procedimento è piuttosto semplice, una volta raccolte o carpite le piante vengono accorpate in piccoli mucchietti e disposti in file parallele e sono lasciati a essiccare per qualche tempo. Poi le piante vengono raggruppate in mucchi più grandi e vengono portati all’aia, dove continua il processo di essiccamento, fino al momento della “trita”. In questa fase le piante, ormai secche, sono battute con uno strumento particolare, chiamato “lu mazzafrustu”, grazie al quale i semi escono dai baccelli. Successivamente si procede con la divisione tra i semi e la paglia essiccata che gli sta intorno, questa fase è definita “cantile“, infine con la conciatura i semi di lenticchia vengono puliti dalle impurità residue e divisi.

    Nella zona di Catelluccio di Norcia e nei comuni limitrofi vengono spesso organizzati eventi dedicati alla promozione della lenticchia tra cui la famosa Festa della Fioritura o Fiorita, che si svolge generalmente nella seconda metà di giugno, ed è legata al fenomeno della fioritura di moltissime specie di piante nella piana di Castelluccio.

  •  Indirizzo: Castelluccio di Norcia - Norcia -  Umbria 

    Riconoscimenti: I.G.P (Indicazione Geografica Protetta)
    Varietà: lenticchia di Castelluccio di Norcia
    Cucina: ideale per zuppe e acquacotta
    Raccolta: fine Luglio - inizio Agosto
  • Nessun contenuto

    Spiacenti, in questo momento non c'è nessun contenuto in questa categoria.

    Google Map Not Loaded

    Sorry, unable to load Google Maps API.

  • Lascia una Recensione

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Vota questo Eccellenza (complessivo):
    • icona voto
    • icona voto
    • icona voto
    • icona voto
    • icona voto