• I Coglioni di Mulo di Norcia

    I Coglioni di Mulo sono un prodotto tipico umbro, in particolare della zona di Norcia, e vengono così chiamati per il loro aspetto che ricorda i testicoli dell’animale,  può essere inserito all’interno della categoria dei salami. Viene realizzato con la carne magra del maiale come lombo e spalla che, dopo essere leggi tutto

  • Cicerchia umbra

    Riconoscimenti: P.A.T (Prodotto agroalimentare territoriale)

    La Cicerchia o Lathyrus sativus è un legume con un fortissimo apporto proteico che ha ottenuto il riconoscimento di Prodotto agroalimentare tradizionale italiano. La sua coltivazione, limitata ad alcune zone del centro Italia, soprattutto nelle montagne umbre, avviene in autunno e la raccolta nel mese di Luglio. La semina, che leggi tutto

  • Prosciutto IGP di Norcia

    Riconoscimenti: I.G.P. (Indicazione Geografica Tipica)

    Il “Prosciutto di Norcia I.G.P.” è un prosciutto crudo stagionato riconosciuto come prodotto ad Indicazione Geografica Protetta che viene realizzato nella zona di Norcia (comuni di Norcia, Preci, Cascia, Monteleone di Spoleto, Poggiodomo). La storia del Prosciutto di Norcia risale all’epoca romana quando in varie zone dell’Umbria si diffuse l’allevamento di leggi tutto

  • Fava Cottora dell’Amerino

    Riconoscimenti: Presidio Slow Food

    La Fava Cottora, è così chiamata per la caratteristica di cuocere bene, in fretta e per di essere più digeribile delle altre varietà. E’ coltivata nell’Armerino, zona compresa tra Terni, Amelia e Orvieto, ed è anche nota con il nome di “mezza fava” per le sue ridotte dimensioni, in terreni leggi tutto

  • Fagiolina del Trasimeno

    Riconoscimenti: Presidio Slow Food

    La Fagiolina del Trasimeno  è un prodotto unico ed irripetibile, che ha “caratteristiche genetiche” specifiche e particolari, al punto che nel 2000 è stata riconosciuta ed inserita tra i Presidi Slow Food che hanno come intento quello di salvare dall’estinzione razze autoctone e varietà di ortaggi e frutta. La Fagiolina leggi tutto

  • Tartufo Nero di Norcia

    Riconoscimenti: P.A.T (Prodotto Alimentare Territoriale)

    Il Tartufo Nero di Norcia o Tuber Melanosporum Vittadini è, insieme a quello bianco piemontese, il tartufo più pregiato che esista. La massiccia presenza del tartufo nei dintorni di Norcia, in particolare  nella porzione di territorio che costeggia il corso dei fiumi Nera, del Sordo e del Corno, ha influenzato e decisamente leggi tutto

  • Farro D.O.P. di Monteleone di Spoleto

    Riconoscimenti: D.O.P. (Denominazione di Origine Protetta)

    Il Farro di Monteleone di Spoleto o localmente «FARRE» fa parte della specie di Triticum dicoccum ed è una pianta rustica dalla spiga affusolata, compatta e aristata con la giumella che resta aderente alla cariosside che si presenta di color tabacco, è resistente al freddo, adatta ai terreni poveri, coltivata in leggi tutto

  • Sedano Nero di Trevi

    Riconoscimenti: P.A.T. (Prodotto Agroalimentare Tradizionale)

    Della tradizione umbra il Sedano Nero di Trevi ha sempre fatto parte. La sua coltivazione è stata messa in crisi solo dopo la seconda guerra mondiale con l’arrivo del sedano americano. L’aggettivo nero deriva dal carattere fisiologico della pianta di mantenere le coste verdi scure fino alla fase di maturazione, infatti, leggi tutto

  • Zafferano di Cascia

    Riconoscimenti: P.A.T. (Prodotto Agroalimentare Tradizionale)

    Lo Zafferano è una rinomata spezia che viene usata sia in cucina che nella cosmesi. Il nome zafferano deriva dalla parola araba “za῾farān” che significa “splendore del sole“, infatti, nonostante i fiori della pianta dalla quale si ricava questa spezia siano di colore viola, essa si presenta di colore giallo brillante. leggi tutto

  • Lenticchia di Castelluccio di Norcia I.G.P.

    Riconoscimenti: I.G.P (Indicazione Geografica Protetta)

    La Lenticchia di Castelluccio di Norcia, rinomata in Europa costituisce una delle maggiori eccellenze umbre. Chiamata “Lenta” dagli abitanti della città di Castelluccio, nel 1997 per decreto comunitario, ottiene il riconoscimento di Indicazione Geografica Protetta (IGP) tutelandola da eventuali frodi. L’utilizzo di questo legume ha radici antichissime, come dimostrato dal leggi tutto